logo scacchi a 360 gradi "Tre cose al mondo troverai dovunque: una donna, una spada, una scacchiera..."
(Proverbio Gallese)

Arte - Gli scacchi hanno una storia millenaria, così come millenaria è l'Arte, che, naturalmente, non è stata indifferente a questo affascinante mondo. Di fatto, gli scacchi sono un tema presente in moltissime Opere.

Marcel Duchamp Uno dei più famosi artisti/scacchisti del '900 è sicuramente Marcel Duchamp: artista dai molti talenti, è stato pittore e scultore, ma anche grande appassionato di scacchi, nonché giocatore di buon livello agonistico. Il suo rapporto con gli scacchi è autentica passione, che dura per tutto il corso della sua vita.
Tra le sue frasi celebri, a proposito di scacchi, si ricordano: "Sono giunto alla conclusione che non tutti gli artisti sono degli scacchisti, ma che tutti gli scacchisti sono degli artisti." ed anche "I pezzi degli scacchi sono l'alfabeto che plasma i pensieri, e questi pensieri esprimono la bellezza astrattamente."

Marcel Duchamp gioca a scacchi con Eve Babitz in uno scatto di Julian Wasser, 1963 In una intervista rilasciata a J.J. Sweeny nel '67, Marcel Duchamp dichiarò di considerare la pittura come "mezzo di espressione e non un fine in sé stesso. Un mezzo d'espressione tra altri mezzi e non il fine di una vita; nello stesso modo considero il colore solo come un mezzo d'espressione nella pittura e non il fine. In altre parole la pittura non dovrebbe essere esclusivamente retinica o visuale; dovrebbe avere a che fare con la materia grigia, con il nostro anelito a capire. Questo è in genere quello che amo. Non ho mai voluto essere limitato a un sol piccolo circolo e ho cercato di essere universale almeno quanto uno può esserlo. Per questo mi sono dedicato agli scacchi. Gli scacchi sono un hobby, un gioco, qualsiasi persona può giocare a scacchi. Ma io mi sono dedicato ad essi seriamente e mi è piaciuto perché ho trovato dei punti in comune tra scacchi e pittura. Effettivamente quando giochi a scacchi è come disegnare qualcosa o costruire un meccanismo di qualche genere per mezzo del quale si vince o si perde. L'aspetto competitivo del gioco non ha importanza, ma la cosa in sé è molto plastica e questo è probabilmente quello che mi ha affascinato nel gioco... Il gioco è un’altra espressione mentale, intellettuale che ha dato qualcosa in più alla mia vita e alla mia personalità." («A conversation with Marcel Duchamp», intervista televisiva di J. J. Sweeny, BNC 1956, p. 135 di The writings of Marcel Duchamp , Da Capo Press, 1973). Marcel Duchamp e gli scacchi Dunque, per l'artista, gli scacchi sono arte e costituiscono un'arte mentale libera da condizionamenti. L'artista afferma che «C'è un fine mentale implicito quando si guarda l'ordine dei pezzi sulla scacchiera. La trasformazione dell'aspetto visivo in materia grigia è una cosa che avviene sempre negli scacchi e che dovrebbe avvenire nell'arte.».

Marcel Duchamp rappresenta un caso eccezionale nella Storia, perché non soltanto conosce ed apprezza, come moltissimi altri, gli scacchi nella loro versione ludica, come svago della mente, rimanendone profondamente affascinato, ma unisce due abilità che quasi nessun altro artista ha:
la contemplazione estetica alla pratica agonistica di alto livello: Duchamp si laureò Campione dell'Alta Normandia nel 1924 e fu capitano della squadra olimpica francese di scacchi, privilegio grandissimo, di solito appannaggio di professionisti degli scacchi, giocatori di altissimo livello e di grande comprensione tecnica. Questi due aspetti, uniti in un solo uomo, rendono l'artista ancor più stupefacente, dato che, generalmente, le abilità necessarie al raggiungimento di prestigiosi risultati agonistici e le risorse necessarie ad esse in termini di tempo e dedizione, difficilmente si sposano con altre attività professionali, come la produzione artistica. Duchamp, al contrario, mentre legge ed approfondisce l'universo estetico ed artistico degli scacchi, dedicandosi ad essi in modo molto intenso (per circa 10 anni gli scacchi costituirono la sua principale attività), non solo li pratica e ne assimila i segreti tecnici e strategici, ma porta avanti in parallelo la propria produzione artistica.

Un interessante articolo su Marcel Duchamp pubblicato da "Il Sole 24 ore" nel 2009

Di seguito, un articolo del Maestro Achille della Ragione (http://www.achilledellaragione.it/):

Articolo completo di immagini

Articolo in versione solo testo

Raccolta di opere e dipinti a tema scacchistico

Raccolta di quadri a tema scacchistico

© 2015-2017 Giulio Marmili - Tutti i diritti riservati - Riproduzione Vietata